Slide

Assortimento

imcopex vi offre un assortimento completo
di tutti i principali produttori di ICT.

  • imcopex mantiene partnership a lungo termine con i principali produttori nei settori dell’hardware IT, delle forniture per ufficio e dell’elettronica di consumo
  • imcopex offre più di 100 marchi ITK noti e di alta qualità
  • imcopex ha oltre 14.000 articoli in magazzino
  • imcopex adatta continuamente la sua gamma alle esigenze attuali
  • clicchi qui per andare al webshop
  • diventi fornitore

i nostri famosi marchi

Proteggere l'ambiente e conservare le risorse

imcopex attribuisce grande importanza al rispetto delle norme e delle leggi nazionali e internazionali per la tutela dei consumatori e dell’ambiente. imcopex controlla continuamente se i produttori rispettano queste leggi.

Diritto delle batterie (BattG):

imcopex è partner registrato della fondazione “Gemeinsames Rücknahmesystem Batterien (GRS) / Sistema di raccolta comune per le batterie“.
La BattG recepisce nel diritto tedesco la direttiva europea sulle batterie 2006/66/EG. Regola l’immissione sul mercato, la restituzione e lo smaltimento ecocompatibile di pile e accumulatori. La legge è entrata in vigore nel 2009 e ha sostituito l’ordinanza sulle batterie (BattV). En 2020, la loi sur les batteries a été modifiée en profondeur (Battery Act 2, BattG2).

La direttiva sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) - WEEE

La direttiva sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) e le direttive corrispondenti rappresentano un quadro giuridico dell’UE che regola rigorosamente la produzione, la distribuzione e il riciclaggio delle apparecchiature elettriche ed elettroniche.

imcopex è un partner registrato della fondazione “Elektro Altgeräte Register (EAR) / Registro dei vecchi elettrodomestici”. Dal 2005 la legge sulle apparecchiature elettriche ed elettroniche (ElektroG) ha recepito nel diritto tedesco la direttiva europea RAEE e disciplina la commercializzazione, la restituzione e lo smaltimento ecologico delle apparecchiature elettriche ed elettroniche. Il suo obiettivo è anche quello di ridurre l’uso di sostanze nocive nelle apparecchiature. Queste leggi e requisiti europei e nazionali sono attuati a livello nazionale.

REACH

Il regolamento REACH 1907/2006 dell’Unione Europea è entrato in vigore il 1° giugno 2007 ed è l’acronimo di REACH: “Registration, Evaluation, Authorisation and Restriction of Chemicals“ / Registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche”.

REACHè una sintesi di numerose normative esistenti e comprende circa 30.000 sostanze chimiche che vengono immesse sul mercato dell’UE come sostanze indipendenti o come componenti di prodotti. Le norme per i produttori e gli importatori vengono attuate gradualmente e le sostanze devono essere registrate presso l’ECHA (Agenzia europea per le sostanze chimiche con sede a Helsinki).

RoHS

La direttiva RoHS dell’Unione Europea è l’acronimo di “Restriction of (the use of certain) Hazardous Substances in electrical and electronic Equipment“ / restrizione dell’uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Questa direttivavieta l’immissione sul mercato nell’UE di nuove apparecchiature elettriche ed elettroniche che contengono più delle quantità concordate di sostanze nocive come piombo, cadmio, mercurio e cromo esavalente, nonché bifenile polibromurato (PBB) ed etere di difenile polibromurato (PBDE). Dieci sostanze pericolose sono ora limitate nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche. La conformità RoHS è regolata dai governi dei paesi dell’UE. Dieci sostanze pericolose sono ora limitate nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche. La conformità RoHS è regolata dai governi dei paesi dell’UE.

Diritti d'autore (GEMA e VGWort):

imcopex segnala tutti i prodotti interessati e si fa carico del pagamento dei diritti d’autore secondo le tariffeattualmente in vigore.

Il diritto d’autore viene riscosso per gli apparecchi e i supporti con i quali gli utenti possono memorizzare le copie. Il prelievo, di solito tra i 5 e i 34 euro, viene pagato attraverso il prezzo di vendita al dettaglio e viene versato dai produttori di apparecchiature all’Ufficio centrale per i diritti di trasferimento privato (ZPÜ).